Thursday, April 25

Questa città del Circolo Polare Artico si aspettava un boom dell’energia verde. Poi è arrivata la Bidenomics.

A Mo i Rana, una piccola città industriale norvegese al confine del Circolo Polare Artico, una cavernosa fabbrica grigia siede vuota e incompiuta nel crepuscolo nevoso: un monumento alla speranza economica insoddisfatta.

L’azienda produttrice di batterie elettriche Freyr era già in fase di costruzione di questa imponente struttura quando l’ampia legge sul clima dell’amministrazione Biden è stata approvata nel 2022. Forse la legislazione sul clima più significativa della storia, l’Inflation Reduction Act ha promesso circa 369 miliardi di dollari in agevolazioni fiscali e sovvenzioni per la tecnologia dell’energia pulita nel decennio successivo. I suoi incentivi per la produzione di batterie negli Stati Uniti erano così generosi che alla fine aiutarono Freyr a sospendere il suo stabilimento in Norvegia e a concentrarsi sull’apertura di negozi in Georgia.

La start-up sta ancora raccogliendo fondi per costruire la fabbrica nel tentativo di dimostrare la fattibilità della sua tecnologia chiave, ma ha già cambiato la registrazione della sua attività negli Stati Uniti.

Il suo perno simboleggiava un tiro alla fune globale più ampio mentre i paesi competono per le aziende e le tecnologie che daranno forma al futuro dell’energia. Il mondo si è allontanato da decenni in cui si è enfatizzata la concorrenza privata e si è tuffato in una nuova era di politica industriale competitiva, in cui le nazioni offrono un mosaico di normative favorevoli e sussidi pubblici per cercare di attrarre industrie verdi come i veicoli elettrici e lo stoccaggio, l’energia solare e l’energia solare. e idrogeno.

Mo i Rana offre un chiaro esempio della competizione in corso. La città industriale sta cercando di affermarsi come la capitale dell’energia verde della Norvegia, quindi la decisione di Freyr di investire altrove è stata un duro colpo. Le autorità locali avevano inizialmente sperato che la fabbrica potesse attrarre migliaia di dipendenti e nuovi residenti nella loro città di circa 20.000 abitanti: una promessa allettante per una regione alle prese con l’invecchiamento della popolazione. Invece, Freyr impiega solo circa 110 persone a livello locale nel suo impianto di sperimentazione focalizzato sullo sviluppo tecnologico.

“L’Inflation Reduction Act ha cambiato tutto”, ha affermato Ingvild Skogvold, amministratore delegato di Ranaregionen Naeringsforening, un gruppo della camera di commercio di Mo i Rana. Ha criticato la risposta del governo nazionale.

“Quando il mondo cambia, devi adattarti”, ha detto, “e non siamo stati abbastanza efficienti nella nostra risposta all’IRA”

Le implicazioni si estendono oltre Mo i Rana. C’è la crescente sensazione che sia l’Unione Europea che la Norvegia, che non è un membro ufficiale ma segue molte delle politiche dell’Unione Europea, potrebbero restare indietro nello sprint verso l’energia pulita.

Le batterie essenziali per le reti energetiche verdi e le auto elettriche offrono un importante caso di studio. La Cina possiede l’80% della capacità mondiale di produrre batterie. Ciò ha lasciato le nazioni con “un crescente senso di vulnerabilità rispetto alla concentrazione dell’offerta”, ha affermato Antoine Vagneur-Jones, responsabile del commercio e delle catene di approvvigionamento presso Bloomberg New Energy Finance.

Il tempismo è fondamentale. Le nazioni e le aziende che per prime sviluppano capacità potrebbero accaparrarsi minerali e talenti critici, spingendosi così avanti che sarà difficile recuperare il ritardo.

Le aziende stavano costantemente aggiungendo capacità delle batterie ai gasdotti in Europa prima dell’annuncio dell’Inflation Reduction Act nell’agosto 2022, seguendo il monitoraggio degli annunci aziendali da parte di Benchmark Mineral Intelligence. Ma dopo l’annuncio della legge, la capacità europea si è sostanzialmente stabilizzata, mentre la prevista capacità statunitense è aumentata vertiginosamente fino a superarla.

“È estremamente veloce che si inizino a vedere questi effetti”, ha affermato Fredrik Persson, presidente di BusinessEurope, il più grande gruppo imprenditoriale del continente.

Ha affermato che le imprese sono spinte da una serie di fattori, tra cui l’aumento dei prezzi dell’energia e la maggiore burocrazia in Europa, e una maggiore certezza negli Stati Uniti riguardo al futuro del mercato dell’energia pulita.

Per paesi come la Norvegia, rimanere indietro potrebbe significare rimanere economicamente dipendenti da un settore del petrolio e del gas che sembra destinato al declino mentre il mondo ruota verso l’energia pulita.

“Vediamo all’orizzonte che il petrolio e il gas diminuiranno”, ha affermato Ole Kolstad, direttore amministrativo di Rana Utvikling, un ufficio di sviluppo aziendale a Mo i Rana. “Dobbiamo essere parte di questa transizione”.

Mo i Rana non è estranea ai cambiamenti nello sviluppo industriale globale: l’oscillazione tra gli aiuti statali e i principi del libero mercato è stata centrale nella sua stessa storia.

L’eredità industriale della città iniziò sul serio agli inizi del 1900, quando un’azienda legata all’inventore americano Thomas Edison costruì infrastrutture e costruì una ferrovia per quello che allora era un piccolo insediamento minerario.

Dopo la seconda guerra mondiale, il governo norvegese, cercando di assicurarsi una fornitura interna di acciaio, costruì una grande ferriera statale a Mo i Rana, portando con sé posti di lavoro e un’esplosione demografica.

Ma l’era dell’industria sovvenzionata dallo Stato finì negli anni ’70, quando un eccesso di produzione portò al crollo dei prezzi dell’acciaio. Alla fine degli anni ’80, il governo norvegese aveva deciso di privatizzare la produzione nella città del Circolo Polare Artico.

La Norvegia ha gestito attentamente la transizione. È stata istituita una biblioteca nazionale, creando posti di lavoro nel settore pubblico (utilizza le montagne che costeggiano il fiordo locale per l’archiviazione dei libri a clima naturale). Il governo ha contribuito a rieducare i lavoratori dell’acciaio per nuovi ruoli.

Tuttavia, la popolazione locale non è mai cresciuta molto oltre il picco degli anni ’70. Mentre le autorità locali per lo sviluppo cercano di attrarre e trattenere i giovani e di garantire la crescita futura, ritengono che l’energia sostenibile sia cruciale.

“Vogliamo essere la capitale norvegese dell’energia verde”, ha detto Geir Waage, il sindaco, durante un’intervista nel suo ufficio.

Ha indicato una presentazione che utilizza per promuovere la città e le sue ambizioni in materia di energia verde e ha esaminato le caratteristiche della città. Oltre alla sua vicinanza a minerali chiave e a una forza lavoro industriale, Mo i Rana offre elettricità verde ed economica grazie all’energia idroelettrica alimentata dallo scioglimento delle nevi, dal deflusso glaciale e dalle cascate che scendono attraverso le sue montagne scoscese.

Il signor Waage si è allenato in campo. I funzionari di Mo i Rana stanno parlando con le autorità nazionali per elaborare un quadro competitivo per le politiche americane – parte di una spinta più ampia che si sta verificando in tutta Europa e nel mondo mentre le autorità locali e le aziende si affrettano per rispondere all’Inflation Reduction Act.

Ma a differenza degli anni ’50 o addirittura ’80, quando le politiche statali intervennero per contribuire a introdurre l’economia di Mo i Rana in una nuova era, alcuni temono che questa volta il governo nazionale norvegese potrebbe non farcela.

La maggior parte dei paesi capitalisti ha trascorso gli ultimi decenni cercando di livellare i campi di gioco competitivi e abbattendo, non erigendo, le barriere al commercio. Ma poi l’amministrazione Trump ha imposto tariffe elevate, comprese alcune dirette agli alleati in Europa e altrove. E l’amministrazione Biden ha alzato la posta con la sua legge sul clima, dando la preferenza ad alcuni prodotti di fabbricazione americana e cercando di stimolare la produzione interna.

La recente svolta verso politiche più protezionistiche volte a sviluppare le industrie nazionali ha rappresentato un enigma particolare per l’Unione Europea, che vede i principi del commercio equo e aperto come fondamentali per il suo progetto di integrazione europea.

I funzionari europei hanno cercato a lungo di scoraggiare i singoli paesi membri dal competere tra loro per gli investimenti aziendali e dal provocare una costosa guerra dei sussidi. Sono anche entusiasti sostenitori di principi simili all’interno dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, che richiede ai suoi membri di trattare allo stesso modo tutte le merci straniere e locali per cercare di eliminare le barriere nascoste al commercio.

Ma la ripresa dei sussidi mirati negli Stati Uniti e altrove sta mettendo alla prova l’impegno a rispettare tali regole.

Il nuovo generoso credito d’imposta americano sulla produzione è prevedibile, è in corso e si applica a tutti i livelli, offrendo alle aziende una stabilità interessante. Altre nazioni hanno offerto i propri generosi incentivi, compresi crediti d’imposta in Canada e proposti sussidi per le batterie in India.

In Europa, tali misure hanno dato il via a un dibattito sulla necessità o meno dei paesi di andare oltre i tradizionali sussidi alla ricerca e allo sviluppo nelle fasi iniziali. E sempre più spesso il dibattito sta cedendo il posto all’azione.

In risposta all’Inflation Reduction Act, lo scorso anno l’Europa ha allentato le rigide restrizioni sugli aiuti di Stato, consentendo ai governi nazionali di offrire maggiori sussidi al settore dell’energia pulita. Le nazioni ora offrono pacchetti caso per caso: la Germania sta dando al produttore di batterie Northvolt circa 980 milioni di dollari in aiuti di Stato.

Ma anche un pacchetto come quello ricevuto dalla Germania avrebbe difficoltà a competere con il credito d’imposta americano, ha affermato Birger Steen, amministratore delegato di Freyr.

“Non sarebbe una partita, ma sarebbe un ottimo inizio”, ha detto. Freyr ha mantenuto la sua fabbrica semi-costruita pronta a entrare in funzione – riscaldata a 12 gradi Celsius, o circa 54 gradi Fahrenheit – per garantire di poter mettere la produzione in Norvegia qualora la politica cambiasse direzione.

I sussidi europei rappresentano ancora forse solo il 20-40% del costo di investimento di un’azienda, rispetto a oltre il 200% negli Stati Uniti, ha affermato Jonas Erraia, un partner di Menon Economics che studia l’industria delle batterie. Il governo norvegese ha specificatamente respinto le richieste di ulteriori aiuti, ha aggiunto.

“Il governo norvegese ha sostanzialmente affermato di non essere nel business del sovvenzionamento delle industrie”, ha affermato Erraia.

C’è una ragione per l’esitazione. I paesi non vogliono scatenare una dispendiosa guerra dei sussidi, nella quale finiscono per sostenere le aziende che non possono reggersi con le proprie gambe.

“Il mercato decide quale dei progetti ce la farà, la nostra ambizione come governo è quella di mobilitare quanto più capitale privato possibile”, ha detto in una e-mail Anne Marit Bjornflaten, segretaria di stato norvegese presso il ministro del Commercio e dell’industria.

Freyr in sé non è una scommessa sicura. L’azienda sta ancora lavorando per dimostrare che la sua tecnologia chiave di stoccaggio dell’energia è scalabile e il prezzo delle sue azioni è crollato nel 2023 a causa dei ritardi nello sviluppo. (La settimana scorsa è aumentato leggermente dopo un aggiornamento delle operazioni che suggeriva progressi.)

Anche se riceverà crediti d’imposta sulla produzione negli Stati Uniti solo se produrrà con successo batterie, qualsiasi prestito favorevole che otterrà per consentire la costruzione di fabbriche in Georgia potrebbe non produrre molto se l’azienda alla fine si rivelerà infruttuosa. Aveva già ricevuto 17,5 milioni di dollari in aiuti pubblici per costruire la fabbrica norvegese.

Freyr non è il solo a cercare in giro il miglior sussidio disponibile. Il produttore svizzero Meyer Burger Technology ha recentemente annunciato un progetto provvisorio per chiudere una grande fabbrica di moduli solari in Germania, lasciando intendere che potrebbe cambiare idea se ci fossero “misure sufficienti per creare condizioni di parità in Europa”.

A Mo i Rana, i gruppi imprenditoriali continuano a temere di rimanere indietro.

La signora Skogvold, amministratore delegato del gruppo della Camera di commercio, ha ospitato un’intervista sul palco con Jan Christian Vestre, ministro norvegese del commercio e dell’industria, in occasione di un evento incentrato sull’energia verde nella città il 26 gennaio. mezzo dopo che il signor Vestre ha visitato la città per annunciare la strategia norvegese sulle batterie durante una celebrazione tenutasi presso l’impianto di ricerca di Freyr.

Il tono questa volta era diverso.

La signora Skogvold ha chiesto al ministro, in norvegese, perché il governo non è stato più aggressivo con gli incentivi verdi.

“Non reintrodurremo i sussidi alla produzione”, ha detto. Ma in seguito ha aggiunto che il mondo avrebbe avuto molta domanda per le fabbriche di batterie e che sperava che “se riusciamo a renderle redditizie in Norvegia, e se il capitale privato apre la strada, potremo avere successo in Norvegia”.

Brent Murray ha contribuito alla segnalazione.